mercoledì 22 luglio 2015

IL RITORNO DEI POMODORI ASSASSINI

(Return of the killer tomatoes, 1988)
Regia
Cast , ,  


Rimane sempre un mistero il perchè in Italia risulti irreperibile il primo, storico, "Attacco dei Pomodori Assassini" mentre il suo seguito sia uscito straight to video con tanto di doppiaggio. Il motivo potrebbe attribuirsi alla presenza nel cast di un giovanissimo (e tamarrissimo) George Clooney, il quale, tanto per cambiare, fa la parte del galletto assatanato di sesso. In ogni caso "Return of the Killers Tomatoes" si presenta più ricco a livello di budget, con effetti e idee discreti e una certa leggerezza narrativa che lo rende gradevole al grande pubblico. Il regista John De Bello ci porta, stavolta, 25 anni dopo la grande guerra del pomodoro, dove i rossi ortaggi sono stati completamente banditi dalle tavole di tutti gli Stati Uniti, al punto che il pizzaiolo Clooney crea pizze con gli ingredienti più disparati per sopperire alla mancanza di salsa. In questo contesto il delirante Dottor Cancrena (il mitico John "Gomez" Astin ) trasforma pomodori di contrabbando in muscolose guardie ramboidi che formano un piccolo esercito. 

E' assistito da Igor che non è gobbo ma biondo e aitante (anche se un po scemo) che sogna di lavorare in televisione. E poi c'è la bella pomodora Tara che vuole salvare un pomodorino peloso come un peluche, frutto di un esperimento andato a male, e quindi fugge dalla villa del medico pazzo. Tara si rifugia dal giovane Chad, amico di Clooney, che non tarderà a scoprire strane caratteristiche della ragazza. Ad esempio che mangia fertilizzante e si lava con il concime, mangia solo carne (ovviamente non può essere vegetariana) e al suono del violino si ritrasforma in pomodoro. Il film è infarcito di battute al limite del sopportabile del tipo "non sei diventata Ketchup", inoltre De Bello tenta la carta del metacinema inserendo direttamente la troupe in qualche stacchetto sopratutto per risolvere i problemi di produzione attraverso una sponsorizzazione coatta di vari oggetti, estremizzazione di quanto accade realmente nello show business. Alla fine fa anche ritornare in auge i tre protagonisti del primo film, tre sciroccati vestiti rispettivamente da sub, paracadutista e il trasformista, ogni tanto la butta in caciara con apparizioni di cowboys, ninja e caricature del Santo Padre, Gheddafi, Michael Jackson e Carmen Miranda. 

L'umorismo, di bassa lega, tenta di intromettersi tra la Troma e il Trio Zucker - Abrahams-Zucker e qualche battuta l'azzecca pure, la storia poi si segue piacevolmente e l'atmosfera vintage anni ottanta è un balsamo per i miei occhi. Certo la mancanza dei pomodori giganti qua si sente, non bastano le citazioni da "L'invasione degli Ultracorpi", "Frankenstein" et similia a sopperire tale carenza. Di certo bisogna dare atto a De Bello di aver creato un mondo a parte, una versione originale e dissacratoria del cinema Sci-Fi d'epoca dove le nevrosi da guerra fredda vengono irrimediabilmente prese in giro da quei piccoli ortaggi rossi che allietano e insaporiscono le nostre tavole.

1 commento:

  1. Ottima lettura, ti ringrazio molto. Puoi interessarvi anche questo articolo su SES Astra? Secondo questo articolo ci sono 350 canali gratuiti, di cui 40 in HD e serve soltanto una parabola da 60 cm... E se hai già una parabola, basta un apparecchietto dual feed: http://www.dday.it/redazione/16988/astra-orizzonte-aperto-su-centinaia-di-canali-tv-gratuiti-via-satellite

    RispondiElimina